167.792 di 200.000 firme

A lla Commissione Europea

Petizione

Non lasciare che coloro che portano avanti la tradizione europea offrendo dignità ed umanità alle persone più vulnerabili vengano puniti. Ponete fine alla criminalizzazione di coloro che offrono assistenza umanitaria ai rifugiati e ai migranti.

Perché è importante?

Manuel Blanco, Enrique Rodríguez and Julio Latorre sono pompieri spagnoli. Lo scorso dicembre, si sono trasferiti sull’isola greca di Lesbo per diventare volontari della ONG PROEMAID (Professional Emergency Aid) e per mettere la loro esperienza professionale di soccorso al servizio di una nobile causa: salvare dall’annegamento bambini, donne e uomini che scappano dalla guerra e dalla povertà.

Lo scorso 7 maggio si è tenuto in loro processo in Grecia: hanno rischiato un'accusa a dieci anni di prigione ma, per fortuna, tutte le accuse sono cadute.

Questi uomini hanno rischiato le loro vite per aiutare migliaia di persone, ma le loro azioni di salvataggio sono state considerate come traffico di essere umani dal governo greco.

La legislazione europea ha consentito a Manuel, Enrique e Julio di essere arrestati per traffico di esseri umani.

Firma ora per assicurare che non vengano incriminate penalmente le persone che offrono l’assistenza – attualmente pressoché assente - ai rifugiati e migranti in Europa.

In infinite riunioni di emergenza i nostri governi hanno affrontato la questione dell'immigrazione solo da un punto di vista della sicurezza, lasciando completamente da parte umano. Così, quando persone come Manuel, Enrique e Julio offrono assistenza umanitaria essenziale a coloro che ne hanno disperatamente bisogno, pensi che azioni di questo tipo dovrebbero essere le benvenute. I nostri leader devono sapere che gli europei vogliono che si porti avanti l’aspetto umano in questa crisi

Informazioni sul caso

Il 14 gennaio 2016, nel cuore della notte, questi volontari hanno ricevuto l'avviso del possibile naufragio di un gruppo di migranti che stavano tentando di raggiungere la Grecia. Tre membri di PROEM-AID (Manuel Blanco, Enrique González e Julio Latorre), insieme ad altri volontari, hanno deciso di cercare la barca che stava affondando. Come al loro solito in questi casi, indossavano la divisa di salvataggio con caschi di protezione leggera.

Dopo un periodo di ricerca della barca potenzialmente naufragata, hanno ritenuto l'operazione senza successo e hanno deciso di rientrare. Improvvisamente, quando erano già vicini alla costa, una nave delle autorità greche ha chiesto loro di raggiungerli nell'ufficio della guardia costiera per procedere con una registrazione regolare.

Una volta entrati in ufficio, i tre volontari spagnoli sono stati interrogati e arrestati con l'accusa di tentato traffico di esseri umani, contrabbando e detenzione di armi (un taglierino, obbligatorio nelle operazioni di salvataggio).

Dopo tre giorni di detenzione, i vigili del fuoco sono stati rilasciati dopo aver versato un deposito di garanzia di presenza (€ 5.000 / ciascuno) in attesa di un processo penale.

In partneriato con:

Fase successiva - condividi

Grazie per aver firmato la petizione in modo che nessuno venga punito per offrire l’assistenza ai rifugiati e migranti in Europa. Fai in modo di accrescere l'impatto della tua azione e condividi il messaggio tramite email, Facebook o Twitter e invita anche i tuoi amici a firmare.

Stai firmando come Non sei tu? Clicca qui