117.783 di 150.000 firme

Ai Governi dell’Eurozona; al Presidente dell’Eurogruppo, Mário Centeno; al Governatore della Banca Centrale europea, Mario Draghi

Petizione

Stiamo dalla parte della Grecia, chiediamo un percorso di risamento economico che metta al primo posto le persone e la loro dignità. Come? Iniziando con il rendere al popolo greco i soldi degli interessi dei titoli di stato.

Perché è importante?

Il popolo greco è stato schiacciato dalle misure di austerità. Gli ospedali sono appena in grado di garantire l’assistenza sanitaria di base, considerando che la disponibilità di personale è di 1 infermiere ogni 40 pazienti. [1] Gli stipendi crollano. Sulle pensioni sono stati effettuati una dozzina di tagli dal 2010 a oggi. [2] La disoccupazione è raddoppiata. [3]

I soldi del piano di salvataggio, pensati per “aiutare” i greci riusciranno davvero a risolvere la situazione? I paesi dell’Eurozona ne hanno, certamente, ricavato interessi per un valore di diversi miliardi di euro. [4]

I Ministri delle Finanze in Europa hanno il potere di cambiare il modo in cui le cose sono andate finora. Se facciamo loro capire chiaramente che nessun cittadino europeo intende lucrare sulla crisi che ha travolto la Grecia, non potranno più agire indisturbati dicendo di farlo in nostro nome.

Non si tratta di soldi - qui è in gioco il tipo di persone che vogliamo essere. Se più di 100.000 di noi firmeranno saremo sicuri di far arrivare i nostri messaggi ai Ministri. Insieme possiamo ricordare a gran voce che l’Europa si basa sulla solidarietà, non sull’avarizia!

La Banca Centrale Europea (BCE) ha iniziato a comprare i titoli di stato della Grecia nel 2010, quando il Paese ha avuto bisogno della prima operazione di salvataggio finanziario. Se la BCE non avesse acquistato i titoli di stato, la Grecia avrebbe abbassato il loro il valore. Ma che il valore rimanesse lo stesso era stata posta come condizione per poter avviare il piano di salvataggio. Ogni anno questi titoli inflazionati accumulavano interessi alti che di solito venivano destinati di nuovo alla Grecia. [5]

Poi a partire dal 2015 la situazione è cambiata, quando i cittadini greci hanno votato contro ulteriore austerità. Per punire la Grecia che si era ribellata ai tagli, i Paesi dell’Eurozona hanno deciso di trattenere gli interessi derivati dai titoli, invece di continuare a destinarli alla Grecia come secondo previ accordi. [6]

Dopo anni di politiche di austerità, una dozzina di aumenti dei livelli di tassazione, tagli drastici ai servizi pubblici, la Grecia non può continuare a farsi sfruttare [7]. La popolazione greca ha bisogno di nostro sostegno ora..

Se ci facciamo sentire, possiamo fare in modo che gli interessi di questi titoli tornino alla Grecia e chiedere che nel processo di riabilitazione finanziaria si tenga conto delle vite e della dignità delle persone. Insieme abbiamo il potere di mostrare al popolo greco che stiamo dalla loro parte. E chiarire ai nostri governi che ci aspettiamo solidarietà, non sfruttamento.

Riferimenti

[1] Sul collasso del sistema sanitario greco, l’articolo in inglese del Guardian, pubblicato il 1 gennaio 2017, “'Patients who should live are dying': Greece's public health meltdown,” https://www.theguardian.com/world/2017/jan/01/patients-dying-greece-public-health-meltdown

[2] Sulla protesta contro i tagli alle pensioni l’articolo in inglese di Reuters pubblicato il 10 ottobre 2017 https://www.reuters.com/article/eurozone-greece-pensioners-protests/greek-pensioners-protest-benefit-cuts-pin-hopes-on-court-idUSL8N1MH1SN

[3] Sulla disoccupazione greca: “Unemployment by sex and age - monthly average,” Eurostat. http://ec.europa.eu/eurostat/en/web/products-datasets/-/UNE_RT_M

[4] Sulle manovre della BCE, l’articolo del Financial Times del 10 ottobre 2017: “ECB made €7.8bn profits from Greek bond holdings,”. http://greece.greekreporter.com/2017/10/10/ecb-profits-from-greek-bond-holdings-at-e7-8-billion/

[5] Sempre sulla BCE: “ECB to swap Greek bonds to avoid forced losses -sources,” Reuters, 16 febbraio 2012. https://www.reuters.com/article/us-ecb-greece/ecb-to-swap-greek-bonds-to-avoid-forced-losses-sources-idUSTRE81F1EK20120216

[6] Sul piano di salvataggio dell’Eurozona per aiutare la Grecia: “Eurozone unlocks €10.3bn bailout loan for Greece,” The Guardian, 25 maggio 2016. https://www.theguardian.com/world/2016/may/24/eurozone-officials-hope-to-give-greece-next-tranche-of-bailout

[7]Quanto alla BCE, la Banca ha raccattato i titoli a prezzi da liquidazione, ma con la pretesa di avere dalla Grecia il rimborso del montante iniziale. Ha dunque ricavato una plusvalenza dalla differenza tra il prezzo a cui ha acquistato e quello a cui esige il rimborso, lucrando, nel frattempo, gli interessi su quei titoli.

In collaborazione con:

Ti va di contribuire con una donazione?

La comunità di WeMove esiste per mostrare solidarietà a chi ne ha bisogno e lottare contro l’avidità di coloro che sfruttano i poveri, già costretti a tanti sacrifici, in Europa e altrove. Per restare indipendenti scegliamo con attenzione da chi accettare soldi o meno - ma per far funzionare campagne importanti occorrere denaro, quindi ti chiediamo vuole aiuto!

Ti va di donare pochi euro al mese per aiutare la nostra comunità a continuare a lavorare per un piano equo che risolva i problemi del popolo greco?

Fase successiva - condividi

Grazie per aver firmato!

Fai in modo di accrescere l'impatto della tua azione e condividi il messaggio su Facebook e Twitter e invita anche i tuoi amici a firmare.

Stai firmando come Non sei tu? Clicca qui