7.700 di 10.000 firme

A Jean-Claude Juncker (Presidente della Commissione europea), Karmenu Vella (Commissario Ue all’Ambiente), Frans Timmermans (vicepresidente della Commissione europea) e Jyrki Katainen (vicepresidente della Commissione europea)

Petizione

È giunto il momento di liberare i fiumi e i mari dall’inquinamento causato da tonnellate di plastica. Vi chiediamo di intervenire affinché i nostri oceani smettano di essere usati come spazzatura e di impegnarvi per un mondo libero dall’inquinamento della plastica. Chiediamo un impegno ambizioso: ridurre la produzione e l’uso di plastica; vogliamo, inoltre, garanzie per la produzione di plastiche prive di sostanze tossiche e per l’aumento di raccolta differenziata e riciclaggio.

Perché è importante?

L’Europa è al secondo posto nel mondo per la produzione di plastica e il consumo aumenta di anno in anno - ma ora possiamo rimediare quanto fatto finora. La Commissione europea ha da poco introdotto una nuova regolamentazione che riguarda le plastiche monouso [1]. Questa legislazione, pur introducendo una serie di misure senza precedenti per ridurre i rifiuti di plastica, ha ancora margini di miglioramento. Ad esempio, la proposta prevede il divieto di alcuni prodotti in plastica monouso, ma non fissa obiettivi specifici di riduzione per gli Stati membri . [2] Nei prossimi mesi la legislazione proposta verrà discussa in seno al Parlamento europeo e al Consiglio dei ministri dell'UE. Noi possiamo fare la differenza.

Anche agli angoli più remoti del pianeta, nell’Artico, nelle profondità del mare o nelle isole disabitate ci sono rifiuti di plastica. [3] La plastica non si decompone - al massimo si disintegra in microplastica. Ma anche in quel caso resta pericolosa: piccole parti di plastica vengono assimilate dal plancton[4], che a sua volta viene ingerito dai pesci, ed entra quindi nella catena alimentare. È una minaccia alla nostra salute: diversi tipi di plastica contengono, inoltre, additivi velenosi. [5]

L’Ue può dare un contributo enorme per un mondo libero dall’inquinamento della plastica, ma dobbiamo essere certi che le lobby industriali non ne ostacolino il processo. Gli Accordi di Parigi parlano chiaro: se l’Europa non prende iniziativa, non accadrà nulla. L’Ue deve adottare una strategia per lo smaltimento della plastica e a seguire lo faranno anche gli altri paesi.

Riferimenti

[1] “Roadmap, Strategy on Plastics in a Circular Economy”, Commissione europea http://ec.europa.eu/smart-regulation/roadmaps/docs/plan_2016_39_plastic_strategy_en.pdf

[2] https://mailchi.mp/fc5c2212e83d/european-commission-steps-forward-to-cut-on-single-use-plastics-but-its-just-the-beginning?e=d1ece746e1

[3] Plastic polluted Arctic islands are dumping ground for Gulf Stream (articolo in inglese) https://www.theguardian.com/environment/2017/jun/16/plastic-polluted-arctic-islands-are-dumping-ground-for-gulf-stream

[4] Microplastics in the sea a growing threat to human health, United Nations warns (articolo in inglese), http://www.independent.co.uk/environment/microplastics-microbeads-ocean-sea-serious-health-risks-united-nations-warns-a7041036.html

[5] BPA is fine if you ignore most studies about it (articolo in inglese) http://www.newsweek.com/2015/03/13/bpa-fine-if-you-ignore-most-studies-about-it-311203.html

Questa petizione è stata lanciata in partenariato con:


Fase successiva - condividi

Grazie per aver firmato!

Fai in modo di accrescere l'impatto della tua azione e condividi il messaggio su Facebook e Twitter e invita anche i tuoi amici a firmare.

Stai firmando come Non sei tu? Clicca qui

Ti va di contribuire con una donazione?

Tra poche settimane la Commissione Ue si consulterà con le industrie produttrici e con le organizzazioni ambientali a Bruxelles. Vogliamo sfruttare questa opportunità per dare visibilità alla nostra protesta usando grandi manifesti pubblicitari in città: all’aeroporto e davanti agli uffici della Commissione. Gli spazi pubblicitari sono costosi e molto richiesti per questo dobbiamo prenotarli prima possibile.

Ti va di donare pochi euro per aiutarci a organizzare questa iniziativa ed essere sicuri che i leader politici non ignorino le nostre richieste?