102.440 di 125.000 firme

Al Ministro polacco dell’Ambiente, Henryk Kowalczyk, e al Direttore Generale delle Foreste dello Stato polacco, Andrzej Konieczny

Petizione

I Difensori della foresta sono eroi, non criminali! La Corte europea di Giustizia ha dichiarato illegale il disboscamento della foresta di Białowieża. Chiediamo giustizia per coloro che si sono opposti al disboscamento e che sono ancora soggetti ad accuse giudiziarie per aver difeso la foresta. Unisciti a noi per chiedere la fine della persecuzione giudiziaria contro coloro che hanno portato avanti questa coraggiosa protesta pacifica, afinché le accuse contro questi attivisti vengano annullate.

Perché è importante?

L’ultima foresta primordiale d’Europa, la foresta di Białowieża in Polonia, era in corso di distruzione a causa di operazioni di disboscamento portate avanti dal Governo. [1] Ma la suprema corte di giudiziaria, la CGUE (Corte di Giustizia dell’Unione europea), ha appena dichiarato illegali le operazioni di abbattimento. La Polonia deve bloccare le operazioni di disboscamento o subirà enormi sanzioni. [2]

Se la foresta tira un grande sospiro di sollievo, coloro che hanno fatto tanto per difenderla sono invece in pericolo. I difensori di questo immenso patrimonio naturale hanno lavorato instancabilmente per fermare il disboscamento attraverso proteste pacifiche, mettendo a rischio la loro incolumità e usando i propri corpi come scudo di fronte agli alberi per fermare le ruspe. Per questa azioni di pacifica disobbedienza civile si trovano a dover affrontare sanzioni, minacce e atti di violenza fisica e verbale. [3]

E continuano a essere perseguiti penalmente. [4] Alcuni di loro rischiano la detenzione con pene fino a un anno. I giorni della sentenza si avvicinano e finora gli attivisti hanno dovuto sostenere costi inauditi per essere difesi legalmente. Ma l’ultima sentenza della CGUE apre uno spiraglio di speranza. Se il disboscamento è stato dichiarato un atto illegale, allora chi ha cercato di fermarlo non è un criminale, ma un eroe. Le persone che hanno fermato il disboscamento non sono criminali: sono eroi, a tutti gli effetti.

Il Ministro dell’Ambiente polacco ha il potere di far decadere qualsiasi accusa o sanzione contro i difensori della Foresta. Ha già dichiarato di voler far rispettare la volontà dell’Ue, quindi ora è il momento di spingerlo ad annullare tutte le accuse sui difensori! [5]

Perché tanti sforzi in nome di una foresta? La foresta di Białowieza esiste da migliaia di anni ed è l’ultimo sito verde completamente intatto rimasto in Europa. La foresta ospita la più ampia varietà di bisonti selvatici, linci e lupi d'Europa. Tutelata da leggi nazionali ed europee, riconosciuta come Patrimonio Mondiale UNESCO, la foresta ha un valore inestimabile.

Le proteste sono durate sei mesi e nell’arco di questo periodo le autorità hanno aperto circa 300 casi contro gli attivisti. I difensori della foresta devono fare i conti con accuse per reati minori, disobbedienza civile e sanzioni o pene per atti criminali. Molti di loro vanno incontro a sanzioni salate, mentre altri rischiano la detenzione.

Tutti questi fascicoli giudiziari potrebbero essere archiviati se ci fosse la volontà del Ministro dell’Ambiente. Le autorità che gestiscono le foreste polacche (State Forests National Forest Holding) potrebbero chiudere i casi e annullare le accuse.

Crediti immagine: Malgorzata Klemens

Riferimenti

[1] https://www.theguardian.com/environment/2017/may/23/worst-nightmare-europes-last-primeval-forest-brink-collapse-logging

[2] https://www.politico.eu/article/ecj-rules-that-poland-breached-eu-nature-laws-in-ancient-forest/

[3] http://save-bialowieza.net/activists-found-innocent-by-the-court-in-hajnowka

[4] http://www.dw.com/en/polish-police-break-up-protest-against-bialowieza-forest-logging/a-41322966

[5] https://www.telegraph.co.uk/news/2018/02/20/poland-broke-eu-law-logging-ancient-forest/

Questa petizione è stata lanciata in partenariato con Obóz dla Puszczy - the Camp for the Forest:

Ti va di contribuire con una donazione?

La nostra comunità di WeMove ha contribuito a questa lotta e a molte altre in nome della tutela, della giustizia e della trasparenza in tutta Europa. Ti va di donare pochi euro al mese in modo che la nostra comunità continui a portare avanti con successo campagne di questo genere?

Abbiamo già avviato una straordinaria raccolta fondi per dare sostegno ai difensori della foresta di Bialowieza. La nostra comunità ha attinto alle risorse a sua disposizione e l’anno scorso abbiamo raggiunto insieme una cifra di oltre 35.000 € da destinare ai Difensori della foresta. Questo fondo comune è stato fondamentale per aiutare i Difensori a passare l’inverno e per coprire le spese legali sostenute fino ad ora.

Ti va di donare pochi euro al mese perché WeMove possa continuare a sostenere proteste dal basso per un’Europa migliore?

Fase successiva - condividi

Grazie di cuore per aver firmato in difesa di chi difende la foresta di Białowieża!

La scorsa estate la nostra comunità di WeMove ha dato sostegno alla protesta per tutelare la foresta di Bialowieza, mostrando totale appoggio e solidarietà ai suoi difensori. Quasi 250.000 persone tra tra di noi hanno firmato la lettera aperta destinata alle persone impegnate presso l’accampamento stanziato nella foresta e abbiamo raccolto oltre 35.000 euro per sostenere la loro protesta.<7p>

Ma hanno ancora bisogno di solidarietà e sostegno da parte nostra. La pressione esercitata a livello internazionale e la richiesta di attenzione mediatica, ottenute grazie al lavoro instancabile di tanti attivisti in Polonia e in tutta l’Europa, hanno convinto le autorità Ue ad agire. La nostra comunità in tutta Europa può fare in modo che i riflettori restino puntati sulla situazione difficile che stanno vivendo gli attivisti, e può richiedere al Governo polacco di attenersi al giudizio espresso dalla CGUE: onorando la sentenza cadrebbero le accuse contro coloro che hanno provato a fermare il disboscamento intensivo, ora dichiarato illegale.

Fai in modo di accrescere l'impatto della tua azione e condividi il messaggio su Facebook e Twitter e invita anche i tuoi amici a firmare.

Stai firmando come Non sei tu? Clicca qui