86.414 di 100.000 firme

A: Ferrero International S.A., il suo Amministratore Delegato, Giovanni Ferrero, e CEO, Lapo Civiletti; Ferrero Hazelnut Company, e Marco Gonçalves, Amministratore Delegato di Ferrero Hazelnut Company

Petizione

La nostra indagine rivela che le nocciole che finiscono dentro Nutella, Kinder Bueno e Ferrero-Rocher potrebbero essere state raccolte da bambini, minori sfruttati nelle aziende agricole in Turchia. Vi esortiamo a sostenere un prezzo equo per le nocciole in Turchia, a garantire ai lavoratori uno stipendio adeguato e a fermare immediatamente il lavoro minorile!

Perché è importante?

La nostra indagine, riportata su The Guardian, rivela che i prodotti Ferrero contengono nocciole che potrebbero essere state raccolte sfruttando il lavoro di bambini in Turchia. La lista è lunga: Nutella, Kinder Bueno, Ferrero duplo o cioccolato Ferrero-Rocher che voi o i vostri bambini acquistate questo Natale potrebbero contenere nocciole raccolte dai bambini.

Quest'estate i nostri partner, il Centro per i diritti dei bambini in Turchia, hanno girato un video: quando abbiamo visto le immagini di bambini di 11 anni che lavorano raccogliendo nocciole in tutta la Turchia. [2] I bambini lavorano per lunghe ore a basso salario in condizioni spesso pericolose e molti sono costretti ad abbandonare la scuola. Dato che i salari sono così bassi, è comune che i lavoratori delle nocciole portino i loro figli a lavorare con loro nei campi. [3]

L'azienda dolciaria italiana Ferrero, uno dei maggiori produttori di cioccolato al mondo e produttore di Nutella e Ferrero Rocher, è il maggiore acquirente di nocciole in Turchia, luogo di origine del 70% delle nocciole del mondo. [4] Nell'ambito della nostra indagine con il Guardian, siamo riusciti a dimostrare che i prodotti Ferrero contengono nocciole che potrebbero essere state raccolte dai bambini.

Due coltivatori di nocciole in Turchia hanno confermato in video che devono assumere bambini perché altrimenti i lavoratori adulti non verrebbero a lavorare nelle loro aziende agricole. Gli stessi contadini dicono che le loro nocciole finiscono a Ferrero ma non è finita qui: "Il 99% delle nocciole della zona sono acquistate da Ferrero" e "per quanto ho visto tutti hanno il lavoro minorile", queste sono alcune delle testimonianze raccolte. Con il Guardian siamo riusciti a rintracciare le nocciole di una delle fattorie che assumono i bambini e siamo risaliti fino al mercante che le compravende.

Nel frattempo, Ferrero non nomina una sola azienda agricola da cui i suoi fornitori si riforniscono, anche se sostiene che il 100% delle sue nocciole sarà rintracciabile entro il 2020. [5] Ma hanno ammesso di aver raggiunto, a partire dal 2018, solo il 39% di rintracciabilità. [6]

Ferrero sostiene di non tollerare il lavoro minorile né alcuna forma di schiavitù, come dichiarato nel suo Codice di Condotta Commerciale. Dicono: "Siamo determinati a prevenire ed eliminare il lavoro minorile lungo tutta la nostra filiera, nella convinzione che ogni bambino debba essere protetto, con tutti i mezzi possibili, da ogni forma di sfruttamento". Inoltre, hanno un progetto che mira a proteggere i bambini dalle peggiori forme di lavoro, sfruttamento e violenza. [7]

Ma il lavoro minorile è ancora oggi molto diffuso in Turchia. I contadini e i commercianti dicono che le iniziative di Ferrero contro il lavoro minorile sono inefficaci perché non coinvolgono o raggiungono tutti i bambini che vengono sfruttati nei campi.

La radice del problema è il prezzo che Ferrero paga per le nocciole. I contadini hanno detto che se Ferrero pagasse di più per le nocciole, non sarebbero costretti ad assumere bambini. È giunto il momento che Ferrero sia all'altezza degli impegni presi. Gli agricoltori intervistati pensano che Ferrero possa porre fine a tutte le forme di lavoro minorile nella filiera turca, se davvero lo vuole, purché paghino un prezzo equo per le nocciole.

Dite a Ferrero di sostenere un prezzo equo per le nocciole in Turchia, in modo che i lavoratori adulti abbiano un salario sufficiente per vivere e per porre fine al lavoro minorile! Nel 2020, stiamo pianificando una grande azione in cui consegneremo le vostre firme a Ferrero per garantire che i prodotti Ferrero non siano realizzati da bambini.


Fonti:

  1. https://www.theguardian.com/global-development/2019/dec/20/are-ferrero-rocher-chocolates-tainted-by-child-labour
  2. Il Centro per i diritti dei bambini fa parte del Fikir ve Sanat Atölyesi (FİSA) - Il Laboratorio di idee culturali e arte con sede ad Ankara che gestisce il centro.
  3. Vedi ulteriori informazioni sul NY Times: https://www.nytimes.com/2019/04/29/business/syrian-refugees-turkey-hazelnut-farms.html
  4. https://www.bbc.com/news/stories-49741675
  5. https://www.nytimes.com/2019/04/29/business/syrian-refugees-turkey-hazelnut-farms.html
  6. https://s3-eu-west-1.amazonaws.com/ferrero-static/globalcms/documenti/3722.pdf
  7. https://www.ferrero.com/fc-4073?newsRVP=1410

In partnership con:

Ti va di contribuire con una donazione?

Abbiamo bisogno del tuo aiuto! I doni che ci arrivano dalla nostra comunità ci permettono di rimanere indipendenti e di creare campagne di grande impatto.

Ti va di donare qualche euro al mese per permettere a WeMove Europe di continuare a battersi per garantire ai lavoratori uno stipendio adeguato e a fermare immediatamente il lavoro minorile?

Altri modi per donare

È possibile fare un versamento sul nostro conto:

WeMove Europe SCE mbH
IBAN: DE98 4306 0967 1177 7069 00
BIC: GENODEM1GLS, GLS Bank
Berlino, Germania

Fai una donazione regolare

Fai una donazione unica
Per noi la trasparenza è fondamentale: è una questione di responsabilità nei confronti della nostra comunità. Per sapere come usiamo i tuoi doni leggi la nostra guida ”Come ci finanziamo”.

Le tue informazioni sono protette e saranno trattate in maniera sicura. Quando inserisci i tuoi dati sul nostro sito, WeMove.EU, accetti i nostri cookie come descritto nella nostra informativa sulla privacy.

Fase successiva - condividi

Grazie per aver firmato!

Fai in modo di accrescere l'impatto della tua azione e condividi il messaggio su Facebook e Twitter e invita anche i tuoi amici a firmare.

Conosci delle persone che potrebbero essere interessate a questa campagna? Manda una e-mail chiedendo anche a loro di firmare!

Stai firmando come Non sei tu? Clicca qui