102.514 di 125.000 firme

Al Parlamento europeo, alla Commissione europea e al Consiglio dell'Unione europea

Petizione

Vi esortiamo a proteggere i whistleblower - coloro che segnalano illeciti sul posto di lavoro - nell'Unione europea con una direttiva che comprende:

  1. il diritto di chiedere consulenze a un sindacato e alle ONG
  2. il diritto di essere rappresentato da un sindacato
  3. il diritto di contattare direttamente le forze dell'ordine
  4. Canali di divulgazione sicura ai giornalisti
  5. Vietare il peggioramento delle leggi nazionali già esistenti in materia; e
  6. Una definizione ampia su chi si qualifica come whistleblower, senza considerare come sono state ottenute le informazioni

Perché è importante?

È grazie ai whistleblower che i cittadini sono venuti a conoscenza di scandali come Lux-Leaks, i Panama e Paradise paper sull'evasione fiscale, Dieselgate sull'ambiente, oltre a molti altri scandali riguardanti la sicurezza alimentare, la salute e l'assistenza agli anziani. Questi cittadini coraggiosi, si assumono il rischio di perdere il lavoro, subire mobbing e minacce. Solo per fare la scelta giusta e denunciare chi commette ingiustizie.

La lotta per la tutela di chi denuncia illeciti sul posto di lavoro nell'UE è in corso da molti anni. I sindacati e la società civile hanno collaborato con il Parlamento europeo, chiedendo alla Commissione europea di agire.

Dopo lunghe e persistenti attività di lobbying e campagna, nell'aprile 2018 la Commissione europea ha finalmente proposto una direttiva sulla protezione di coloro che segnalano illeciti: i whistleblower. Per quanto rappresentasse un buon punto di partenza per le discussioni, arrivati a questo punto sono necessari dei miglioramenti. Il Parlamento europeo ha migliorato il testo e ora ci saranno i negoziati con il Consiglio e la Commissione per concordare un testo finale [1], a nostro avviso dovrebbe includere quanto segue:

  1. il diritto di chiedere consiglio a un sindacato e alle ONG. La direttiva deve garantire il diritto di consultare un'organizzazione sindacale e/o della società civile senza perdere la protezione.
  2. il diritto di essere rappresentato da un sindacato. Garantire che un sindacato possa rappresentare il whistleblower.
  3. il diritto di contattare direttamente le forze dell'ordine. I whistleblower devono potersi rivolgere direttamente alle autorità incaricate dell'applicazione della legge e alle autorità competenti senza rischiare di perdere la protezione. Il mancato rispetto di tale obbligo potrebbe portare alla distruzione delle prove e all'insabbiamento se i responsabili fossero allertati da relazioni interne. Ciò significa che le cosiddette relazioni interne obbligatorie contenute nella direttiva devono essere cancellate.
  4. la divulgazione sicura ai giornalisti. Garantire che i whistleblower possano rivolgersi ai giornalisti in tutta sicurezza. Questo rafforza il giornalismo investigativo e rappresenta un anticorpo a difesa della democrazia.
  5. salvaguardie per le leggi nazionali esistenti in materia di whistleblowing. Ciò significa aggiungere una "clausola di non regressione": la direttiva non può essere usata come pretesto per peggiorare le leggi e le procedure di protezione dei whistleblower già esistenti nei vari Paesi.
  6. Una definizione ampia su chi si qualifica come whistleblower, includendo persone come Antoine Deltour, che fece luce sullo scandalo fiscale Lux-Leaks, denunciando l’evasione delle multinazionali. Ciò significa che non dovrebbe esserci alcun test supplementare su come sono state acquisite le informazioni.

In questi anni abbiamo lottato duramente per ottenere protezione per i whistleblower in tutta Europa. Dopo una lunga campagna siamo giunti all’atto finale: L'UE deve proteggere chi ha il coraggio di segnalare illeciti sul posto di lavoro.

E solo noi, cittadini europei, possiamo ottenere questo risultato, facendo sentire le nostre voci contro corrotti e potenti, schierati al fianco di chi denuncia.

Fonti:

  1. http://dsms.consilium.europa.eu/952/Actions/Newsletter.aspx?messageid=28047&customerid=32822&password=enc_705552374D31535337417667_enc>

In partnership con:

Ti va di contribuire con una donazione?

Whistleblowers

Abbiamo lottato per anni per ottenere una forte protezione per chi denuncia illeciti sul posto di lavoro in UE.

Dopo una lunga campagna, insieme possiamo finalmente garantire importanti tutele per i whistleblower.

Abbiamo bisogno del tuo aiuto! I doni che ci arrivano dalla nostra comunità ci permettono di rimanere indipendenti e di creare campagne di grande impatto.

Ti va di donare qualche euro al mese per permettere a Wemove.EU di continuare a battersi per i whistleblower e per un'Europa più giusta, solidale e equa?

Altri modi per donare

E' possibile fare un versamento sul nostro conto:

WeMove Europe SCE mbH
IBAN: DE98 4306 0967 1177 7069 00
BIC: GENODEM1GLS, GLS Bank
Berlino, Germania

Fare un dono tramite
Per noi la trasparenza è fondamentale: è una questione di responsabilità nei confronti della nostra comunità. Per sapere come usiamo i tuoi doni leggi la nostra guida ”Come ci finanziamo”.

Le tue informazioni sono protette e saranno trattate in maniera sicura. Quando inserisci i tuoi dati sul nostro sito, WeMove.EU, accetti i nostri cookie come descritto nella nostra informativa sulla privacy.

Fase successiva - condividi

Grazie per aver firmato!

Fai in modo di accrescere l'impatto della tua azione e condividi il messaggio su Facebook e Twitter e invita anche i tuoi amici a firmare.

Conosci delle persone che potrebbero essere interessate a questa campagna? Manda una e-mail chiedendo anche a loro di firmare!

Stai firmando come Non sei tu? Clicca qui