1.017.037 di 1.200.000 firme

Al Presidente della Commissione europea, alla presidenza del Consiglio dell'UE, ai rappresentanti degli Stati membri dell'UE e ai membri del Parlamento europeo.

Petizione

Gli attuali accordi commerciali e per gli investimenti attribuiscono alle imprese multinazionali ampi diritti speciali e un sistema giudiziario parallelo per garantirli.

Chiediamo all'Unione europea e agli Stati membri di mettere fine a questi privilegi cancellandoli dagli accordi commerciali e sugli investimenti che li prevedono, e di non concludere più nel futuro accordi simili.

Chiediamo inoltre all'Unione europea e agli Stati membri di sostenere l'approvazione di un trattato vincolante delle Nazioni Unite che renda le imprese multinazionali responsabili per le eventuali violazioni dei diritti umani, e di mettere fine alla loro impunità.

L'Unione europea e i suoi Membri devono prevedere nelle proprie normative l'obbligo per multinazionali di rispettare i diritti umani e l'ambiente nel corso di tutte le loro attività nel mondo.

Le persone colpite da violazioni dei diritti umani compiute da multinazionali devono poter avere giustizia.

Perché è importante?

AGGIORNAMENTO - 17 gennaio 2020

In questo momento, le élite aziendali si riuniscono a Davos, al World Economic Forum. CEO e magnati si incontreranno in un resort svizzero per bere un cocktail dietro un sistema di sicurezza a prova di bomba. L'obiettivo del loro incontro? Preparare i loro piani per il 2020 per aumentare il loro potere a nostre spese. [1]

Uno dei loro grandi progetti è la rinascita di tribunali oscuri per intimidire quei governi che osano opporsi al loro potere.

Ma, respira, abbiamo anche un piano. Il nostro movimento ha già raccolto quasi 700.000 firme su una petizione che chiede ai paesi dell'Ue di porre fine all'impunità delle imprese. Ma ora mancano solo pochi giorni alla firma prima della consegna della petizione a Davos... Puoi aiutarci ad arrivare a un milione di firme entro la fine dell'evento di Davos?

AGGIORNAMENTO - 2 febbraio 2019

Le multinazionali usano la loro influenza per indirizzare la politica a loro vantaggio, ogni giorno... Ma vogliono di più. Vogliono un loro sistema giudiziario. Un intero sistema parallelo di tribunali da parte delle multinazionali, per le multinazionali.

E indovina un po'? Il Parlamento europeo potrebbe darglielo in meno di una settimana. Il 12 febbraio il Parlamento europeo dovrà votare per approvare un accordo di investimento tra l'UE e Singapore. [2] Potrebbe conferire alle multinazionali enormi poteri - un tribunale speciale accessibile solo a loro - per intimidire i nostri governi e guadagnare enormi somme di denaro pubblico. [3]

La nostra mobilitazione potrebbe far oscillare il voto dei principali eurodeputati a favore della sconfitta dell'accordo di investimento UE-Singapore. Una tale vittoria dimostrerebbe che i cittadini dell'UE non sostengono un sistema in cui le grandi aziende possono citare in giudizio i governi causando enormi ripercussioni sull'intera politica di investimento dell'UE!

Questo sistema di tribunali aziendali esiste già, ma l'UE vuole espanderlo. Si chiama Investor-State Dispute Settlement (ISDS). Esso permette alle multinazionali di citare in giudizio i governi che osano opporsi al loro potere. Sotto il segreto dell'ISDS, le grandi aziende hanno fatto causa ai paesi per qualsiasi cosa, dall'aumento del salario minimo all'introduzione di una moratoria sul fracking. [4]

Se l'accordo UE-Singapore sarà approvato, potrebbe portare lo stesso sistema ISDS a tutta una serie di nuovi accordi commerciali da approvare nel 2019. Potremmo vedere l'ISDS introdotto in accordi simili con economie più grandi. Anche con gli Stati Uniti o il Giappone.

Tre anni fa abbiamo fermato l'accordo UE-USA, il TTIP, che avrebbe aumentato il potere delle grandi multinazionali.

Puoi aiutare a farlo di nuovo e fermare questo privilegio per le multinazionali, che era la parte più pericolosa di TTIP


Fonti:

  1. https://www.linkiesta.it/it/article/2019/12/31/commissione-europea-2020/44913/
  2. http://ec.europa.eu/trade/policy/in-focus/eu-singapore-agreement/
  3. Secondo le Nazioni Unite, questi sistemi giudiziari tolgono in media 477 milioni di euro dai bilanci pubblici, soldi delle nostre tasse. https://unctad.org/en/PublicationsLibrary/diaepcb2017d1_en.pdf>
  4. http://isds.bilaterals.org/?-key-cases-&lang=en>

In partenership con:

Ti va di contribuire con una donazione?

Stop ai privilegi delle multinazionali

WeMove si batte da anni per porre fine ai privilegi e all'impunità delle multinazionali. Ora abbiamo un'opportunità unica. Il Parlamento europeo può votare contro l’ultimo trucco delle grandi corporations globali: vogliono il potere di citare in giudizio i governi! Solo la nostra voce può difendere i diritti delle persone, contro i privilegi di aziende multimiliardarie!

Sarà una lunga battaglia, e per condurre una campagna vera e propria abbiamo bisogno del vostro aiuto. Dobbiamo essere sempre pronti a mobilitarci e fare pressione quando e come è più necessario. Per questo abbiamo bisogno di stabilità e di flessibilità che solo le piccole donazioni regolari dei nostri membri possono fornire.

Puoi dare un piccolo contributo ogni mese e sostenere la lotta contro l'impunità delle multinazionali?

Altri modi per donare

È possibile fare un versamento sul nostro conto:

WeMove Europe SCE mbH
IBAN: DE98 4306 0967 1177 7069 00
BIC: GENODEM1GLS, GLS Bank
Berlino, Germania

Fare un dono tramite
Per noi la trasparenza è fondamentale: è una questione di responsabilità nei confronti della nostra comunità. Per sapere come usiamo i tuoi doni leggi la nostra guida ”Come ci finanziamo”.

Le tue informazioni sono protette e saranno trattate in maniera sicura. Quando inserisci i tuoi dati sul nostro sito, WeMove.EU, accetti i nostri cookie come descritto nella nostra informativa sulla privacy.

Fase successiva - condividi

Grazie per aver firmato!

Incrementa l'impatto della tua azione e condividi il messaggio su Facebook e Twitter invitando anche i tuoi amici a firmare.

Conosci delle persone che potrebbero essere interessate a questa campagna? Manda una e-mail chiedendo anche a loro di firmare!

Stai firmando come Non sei tu? Clicca qui