385.322 di 450.000 firme

Ai membri del Parlamento Europeo

Petizione

Chiediamo ai leader europei e nazionali di affrontare la crisi senza precedenti causata dalla pandemia di Covid-19 con solidarietà, coraggio e innovazione.

Non vogliamo un ritorno alle attività economiche precedenti, a un modello di crescita che ha esacerbato le disuguaglianze sociali, messo a repentaglio la nostra salute e spinto il clima e la natura del nostro pianeta sull'orlo del collasso. È giunto il momento di rendere rapidamente e radicalmente le nostre economie più verdi, più eque e più resistenti alle possibili crisi future.

Chiediamo l'istituzione del più grande programma di investimenti verdi che il mondo abbia mai visto, supportato da tutti gli strumenti finanziari dell'UE disponibili per finanziare una ripresa che sia verde ed etica.

Questo appello si basa su una dichiarazione firmata dalle principali ONG ambientali europee.

Perché è importante?


Le industrie dei combustibili fossili del carbone, del petrolio e del gas non possono trovare spazio in una ripresa verde e molti europei si sono mobilitati per tutto il 2020 per renderlo chiaro ai nostri leader.

Nel Dicembre dello scorso anno, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha pubblicato un progetto di legge che escludeva le società di combustibili fossili, compresa l'industria del gas, dall'etichettatura di investimenti verdi e, quindi, dalla possibilità di accedere ai fondi per la ripresa. [1]

Ma da allora, la lobby dell'industria del gas si è adoperata per aprire una scappatoia in quella bozza, prima che fosse approvata dalle altre due istituzioni dell'UE: il Parlamento e il Consiglio europei. Le industrie dei combustibili fossili hanno esercitato così tante pressioni che sono riuscite a convincere la Commissione europea a fare un passo indietro.

Una fuga di notizie a fine Marzo 2021 mostra che la Commissione potrebbe essere pronta a consentire che le industrie dei fossili vengano identificate sotto l'etichetta di investimenti verdi dalla legislazione dell'UE. Il fatto che il gas sia un modo pulito di produrre energia non è solo contrario alla scienza del clima, ma anche contro le raccomandazioni del gruppo di esperti tecnici della Commissione. [2]

Il progetto di legge, noto come "tassonomia" perché classifica gli investimenti buoni (come quelli verdi), è stato concepito come un gold standard basato sulla scienza per evitare il greenwashing. Ma se la proposta dell'industria del gas verrà consentita, la stessa tassonomia diventerebbe uno dei principali strumenti di greenwashing al mondo, con il sigillo di approvazione dell'UE.

Contando il gas come industria verde si ignorano le enormi emissioni dirette di carbonio, aggravate anche dal suo rilascio di metano, il cui impatto sui cambiamenti climatici è fino a 84 volte maggiore della CO2: se il gas perde solo il 3% del suo contenuto di metano, può diventare più inquinante del carbone. [3] Inoltre, molte società europee del gas non misurano adeguatamente le emissioni di metano nella loro catena di approvvigionamento e non stanno cogliendo le opportunità disponibili per ridurre queste emissioni. [4]

Non abbiamo tempo per false soluzioni. Questo è il motivo per cui né il carbone-gas né la cogenerazione dovrebbero essere considerati investimenti verdi.

Queste proposte ingiustificate sono in diretta contraddizione con il Green Deal della presidente von der Leyen e con l'ambizione dell'UE di raggiungere obiettivi climatici più elevati. Inoltre minerebbero e screditerebbero la leadership climatica globale dell'UE.

Per tutti i motivi di cui sopra, queste proposte promosse dalle lobby del gas devono essere scartate e riscritte.


Riferimenti:

  1. https://ec.europa.eu/info/business-economy-euro/banking-and-finance/sustainable-finance/eu-taxonomy-sustainable-activities_en
  2. https://www.euractiv.com/section/energy-environment/news/leak-eu-considers-expanding-role-of-gas-in-green-finance/
  3. Le emissioni nascoste dall'energia a gas: https://www.climatebonds.net/files/files/eu-gas-briefing-220221.pdf
  4. https://www.bloomberg.com/news/articles/2021-03-17/european-natural-gas-is-a-long-way-from-tackling-methane-leaks; Indagine di mercato: emissioni di metano da società di gas naturale: https://www.duh.de/fileadmin/user_upload/download/Projektinformation/Energiewende/Positionspapier_Markabfrage_Gas_2021_ENG_20210316_FINAL.pdf

In partenariato con:

Ti va di contribuire con una donazione?

Grazie per aver guardato il nostro video!

La nostra lotta, tuttavia, non è finita. Nei prossimi mesi, i membri di WeMove chiederanno ai capi di Stato e di governo europei di attuare il più grande piano di investimenti verdi che il mondo abbia mai visto.

Ma per essere incisivi, la nostra campagna ha bisogno di azioni e finanziamenti. Donando pochi euro al mese aiuterai la nostra comunità a ottenere un piano di ripresa europeo verde ed equo.

Altri modi per donare

E' possibile fare un versamento sul nostro conto.
Nell'effettuare il versamento ti chiediamo per cortesia di indicare il tuo indirizzo email in qualità di referenza per il pagamento.

WeMove Europe SCE mbH
IBAN: DE98 4306 0967 1177 7069 00
BIC: GENODEM1GLS, GLS Bank
Berlino, Germania

Per noi la trasparenza è fondamentale: è una questione di responsabilità nei confronti della nostra comunità. Per sapere come usiamo i tuoi doni leggi la nostra guida ”Come ci finanziamo”.

Le tue informazioni sono protette e saranno trattate in maniera sicura. Quando inserisci i tuoi dati sul nostro sito, WeMove Europe, accetti i nostri cookie come descritto nella nostra informativa sulla privacy.

Fase successiva - condividi

Stai firmando come Non sei tu? Clicca qui